25 agosto 2011

Il Canto della Vedova di Montaperti


«Lo strazio e 'l grande scempio
che fece l'Arbia colorata in rosso,
tal orazion fa far nel nostro tempio»
Inferno X, 85-87

A memoria della carneficina umana di Montaperti 

22 agosto 2011

La Maestà di Simone Martini


La Maestà di Simone Martini (1312-1315) si trova nella Sala del Mappamondo del Palazzo pubblico di Siena

Piazza del Campo - Il Palazzo pubblico di Siena, fatto edificare dal governo guelfo dei Nove (ca. 1297-1310)

Se qualcuno riesce a trovare il "coraggio" di staccarsi dalla meraviglia di Piazza del Campo e si inserisce nel percorso museale interno al Palazzo pubblico, non se ne pentirà ... in esso sono racchiuse alcune delle "perle" più belle e preziose della civiltà senese ... 

La Sala del Mappamondo, la più ampia del Palazzo pubblico, era destinata alle assemblee  del Consiglio generale della Repubblica ... sullo sfondo si intravede la Maestà di Simone Martini ...

21 agosto 2011

Il Masgalano ...


Il Masgalano 2011 vinto dalla Contrada Sovrana dell'Istrice splendida opera, sul tema dell'acqua, dello scultore Pierluigi Olla offerta dall'Associazione "La Diana"

L'esistenza di un premio (consistente in un vassoio d'argento sbalzato o un bacile) per la Contrada che si era distinta per l'allestimento del carro allegorico, per l'eleganza, la dignità di portamento e l'abilità dei figuranti si perde nella notte dei "tempi palieschi" ... quando rivaleggiava, per importanza, con lo stesso Drappellone...

"Primo Premio" vinto dalla Contrada della Torre il 6 novembre 1650 è il più antico a noi pervenuto, e ne attesta l'antichità della tradizione. 
Nella stessa occasione risultano assegnati un "secondo premio" (Contrada dell'Oca) e quattro premi di "bella comparsa" (Contrade della Chiocciola, del Drago, della Lupa e dell'Onda)

20 agosto 2011

Dina Cucini: Aeropoema futurista delle torri di Siena


Dina Cucini (1905-1980)

Dina Cucini, senese e contradaiola della Selva, fu poetessa dalla lunga attività letteraria (anche se raramente edita) e, nel privato, anche pittrice e scultrice ... nel 1937 aderì al Futurismo ... nello stesso anno vinse il "Concorso di poesia bacchica amorosa e guerriera" organizzata da Filippo Tommaso Marinetti per la Mostra Mercato dei Vini Tipici di Siena ... nel 1939 vinse a Bologna il Premio Letterario "Al poeta originale" ... nel 1942 pubblicò, grazie alla vittoria bolognese, l' "Aeropoema futurista delle torri di Siena in versi liberi e parole in libertà", la sua opera più nota  ...


18 agosto 2011

La Pia de' Tolomei nel mondo del bel canto ...


Il soprano Fanny Tacchinardi Persiani: la prima Pia de' Tolomei della storia

Giuseppe Moroni detto il Niccheri ... la Pia de' Tolomei e la tradizione popolare ...



Samuela Currò: Pia de' Tolomei

In altro post si è già accennato dell'enorme favore ed interesse che suscitò la figura della Pia de' Tolomei, grazie in primo luogo alle rime dantesche a lei dedicate (Purgatorio, canto V, 130-136) ... e lo si sa che la Divina Commedia, almeno nelle contrade di Toscana, ebbe una diffusione anche popolare ...
Molte le opere letterarie a lei dedicate ... Giuseppe Moroni detto il Niccheri (1810- 1880), poeta popolare che si definiva "illitterato", dedicò alla Pia un poemetto in ottava rima (schema ABABABCC) ... in esso si riporta l'ipotesi dell'inganno di Ghino, che, respinto dalla Pia durante l'assenza del marito, finisce con il vendicarsi di lei ... come ? ... convincendo il suo "amico" Nello che la Pia non era moglie devota ... 
Il poemetto, diffuso in origine su fogli a stampa nel 1873, fu successivamente pubblicato sotto forma di libretto, dalla Casa Editrice Salani  (e di esso furono diffuse, negli anni, oltre 70.000 copie ... uno vero sproposito per l’epoca) ... solo una nota personale ... il mio primo contatto con la Pia de' Tolomei (e lo ricordo nitidamente) è avvenuto tramite questo libretto, che trovai a circa sei anni (si era già ai primi anni settanta) in casa dei miei nonni materni ...
L'opera del Niccheri, grazie alla tradizione orale, divenne successivamente canzone e come tale è stata tramandata (sia pure con qualche "libertà poetica" rispetto all'originale) fino ai nostri giorni ... ancora oggi queste ottave del Niccheri risultano fra le più amate e conosciute delle storie in rima e vengono ricordate a memoria in tutta la Toscana ...

Siena, Palazzo Tolomei

14 agosto 2011

Duilio Cambellotti ... io il Palio lo vedo così ...

Duilio Cambellotti (1876-1960): bracciali delle Contrade in notturno al centro, su una colonna, la Lupa, simbolo di Siena

Verso la fine degli anni '20 il Monte dei Paschi, volendo finanziare una pubblicazione sul Palio, incaricò Piero Misciattelli, storico senese residente a Roma, della stesura del testo e Duilio Cambellotti, uno dei più celebri illustratori di libri (ma non solo) del tempo, dell'apparato grafico ...
Il Cambellotti prese l'incarico con estrema serietà ... negli anni 1929 e 1930 è a Siena con il figlio Adriano, dedito al puntiglioso studio dell'urbanistica cittadina e dei vari momenti della Festa, ricavandone una gran mole di foto e di schizzi, a cui seguirono delle tempere preparatorie ...

11 agosto 2011

Il Drappellone del 16 agosto 2011


Il Palio di Francesco Carone

La dedicazione del Drappellone è di quelle importanti: il 9 giugno 1311 la Maestà, dipinta da Duccio di Buoninsegna, a seguito di solenne processione, fu portata in Duomo e collocata sull’altare maggiore. Settecento anni dopo, Siena, con il Palio del 16 agosto, ricorda l'evento insieme al grande pittore senese.
Un commento sul Palio di Francesco Carone? ... fedele alla tradizione ed al contempo assolutamente innovativo nelle forme comunicative ... una stupenda opera d'arte che allieterà il Museo della Contrada che avrà l'onore di vincerlo ... 

6 agosto 2011

Bufalate, Cortei e Carri allegorici ...


Bernardino Capitelli: I Carri delle sei Contrade, che comparvero splendidamente in teatro alla luce di ser.o Sole  ...