29 settembre 2015

29 settembre 1666: Sunto è sulla vetta della Torre del Mangia

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 29 settembre 1666 fu un giorno memorabile per Siena: dopo due anni di lavori, vari tentativi falliti e vicende rocambolesche, oltre ad un notevole dispendio di energie e soldi (la spesa totale fu di ben 20.054 lire), finalmente la Torre del Mangia aveva una nuova, imponente e bellissima campana. 


Per issare il campanone furono collocati nel Campo tre argani e ci vollero diversi giorni per tirarlo fino alla sommità della Torre. Il direttore dei lavori, Giovan Battista di Attilio Vieri, che documenta con disegni ed una dettagliata relazione lo svolgimento degli eventi alla data del 29 settembre scrive: “datosi il tiro senza fermarsi arrivò in un quarto d’ora al suo luogo e passato il perno del chiavardone per mezzo del cappello o cerchio di bronzo, M. Girolamo Santoni il Campanaio che lo fece, essendo con il paletto di ferro in mano, l’inchiavardò e fermò a hore 19 e mezzo in circa…datosi segno alla Città con il suono delle Campane della Torre”

Le fasi dell'innalzamento
Vieri, orgoglioso di aver terminato un’opera così complessa, aggiunge che il campanone “è riuscito in grandezza et in peso il maggiore che a’ nostri tempi sia in Italia”. Infatti, per far posto all’imponente campana era stato tolto anche il Mangia, ma restava, così, il problema di fornirla di un batacchio di adeguata grandezza per farla suonare. Invano si cercò di restaurarne uno vecchio che si trovava negli uffici di Biccherna e si dovette commissionare un lavoro apposito. 
Il campanone, sistemato come lo vediamo ancora oggi, proprio per la sua mole indusse il popolo a ribattezzarlo: una campana così grossa non poteva portare il nome femminile di quella che l’aveva preceduta “Maria Assunta” e così, data la sua imponenza, divenne, allora e per sempre, “Sunto”


Oggi, appunto, lo ammiriamo dove venne collocato nel 1666 ma il suono non è più lo stesso: nel 1831 una crepa ne fece bloccare l’uso. Inizialmente si pensò di rifonderlo ma i costi e il lavoro sarebbero stati fuori “portata”, per cui vennero incaricati due tecnici, Vincenzo Gani e Luigi Rossi, di accomodare la fenditura. Il lavoro fu soddisfacente ma rimase un taglio nel bordo della campana, che esiste tuttora e che conferisce a Sunto la “sonorità grave e roca” dei suoi rintocchi che tanto fanno trenare i nostri cuori.


Documentazione
Letizia Galli "Sottile più che snella. La Torre del Mangia del Palazzo Pubblico di Siena", Sillabe 2005

Crediti fotografici
1. foto di mym su Flickr;
2. foto dal sito dal sito ilpalio.org
3. foto del Tesoro di Siena

L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: