16 novembre 2015

16 novembre 1084: compare il toponimo “Camporegio”

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 16 novembre 1084 viene attestato per la prima il toponimo “Camporegio”, che deriva dalla locuzione latina “Campus Regis”, letteralmente traducibile in "campo del Re". Questo nome, si trova, infatti, in un contratto di affitto, datato 1084, per un terreno situato "a le Sassa que dicitur a Camporegi"

L'area di Camporegio nella carta di Francesco Vanni di fine XVI secolo

Appare evidente che sopra la futura collina del Drago (come del resto accade anche per l'area e il toponimo Stalloreggi), si estendevano nell’XI secolo i terreni appartenenti al fisco reale (da cui il nome) e su cui i senese pagavano le tasse. Secondo la tradizione, invece, Camporegio si chiamerebbe così perché in questo luogo si sarebbero accampate le truppe al seguito di Enrico VI di Svevia, figlio di Federico il Barbarossa, che nel 1186 avrebbe cinto di assedio Siena per espugnarla e sottometterla all'Impero. 

Camporegio in una foto d'epoca

Aldilà di quanta verità contenga la ricostruzione storica, secondo cui i senesi sarebbero usciti di sorpresa da porta Fontebranda e da porta Camollia stringendo a tenaglia l'esercito imperiale e facendolo soccombere, questa interpretazione toponomastica mostra la corda perché il toponimo, come visto, è attestato già un secolo prima di questi eventi. 

Camporegio in una foto d'epoca

Quest’area risulta, invece, di proprietà della famiglia Malavolti quando, intorno al 1225, viene ceduta ai frati domenicani per erigere la basilica di San Domenico che prese il nome di Domenico di Guzmàn, fondatore dell’Ordine dei Frati Predicatori. Negli anni ’40 del Duecento, la strada in Camporegio venne ampliata per volontà delle autorità comunali proprio per facilitare l’accesso a San Domenico che assumeva via via sempre maggiore importanza.


Crediti fotografici
foto 2 e 3 dal sito ilpalio.org

L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: