28 ottobre 2015

28 ottobre 1560: Cosimo I de' Medici entra a Siena

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 28 ottobre 1560 Cosimo I de’ Medici giunge a Siena, l’ultima delle sue conquiste. La disperata resistenza della repubblica senese asserragliata a Montalcino, circondata dalle truppe spagnole e fiorentine, si conclude nel 1559 dopo la firma del trattato di Cateau-Cambrésis, che sancisce il nuovo assetto politico europeo. 
L'antico Stato senese viene abbandonato dalle ultime truppe francesi e dato in feudo a Cosimo de' Medici dal re di Spagna Filippo II. In osservanza del patto di capitolazione firmato da Carlo V nell'aprile 1555, viene rispettato l'impegno di mantenere a Siena le antiche magistrature repubblicane del Capitano del Popolo, della Balìa e del Concistoro e di attribuirne le cariche attraverso l'equa divisione fra i Monti. Ma per Siena, i fiorentini, saranno visti da ora in poi come coloro che hanno posto fine alla sua libertà. 

Biccherna priva di attribuzione
Solenne ingresso di Cosimo I in Siena (1560?)
Siena, Archivio di Stato

L’arrivo di Cosimo de’ Medici viene narrato minuziosamente da Agostino Provvedi: accompagnato dalla moglie Eleonora di Toledo, Cosimo con il suo numeroso corteo, tra cui gli ambasciatori di Lucca e Ferrara, nel bel mezzo di un generale scampanio delle chiese cittadine entra da porta Camollia, dove ad attenderlo i senesi, che certo non vogliono rendere omaggio al vincitore del tremendo assedio e responsabile della fine della Repubblica libera, sono davvero in pochi, come mostra, impietosamente, una Tavoletta di Biccherna (vedi sopra). Dopo la messa in Duomo, si trasferisce a Palazzo Pubblico, dove la sala del Consiglio (e non è casuale) è stata trasformata in teatro e viene messo in scena l’Hortensio di Alessandro Piccolomini. Il giorno dopo si corre un palio alla lunga e una replica della recita, mentre il 30 ottobre tocca alla pallonata. Il 31 ottobre, infine, viene fatta una sfilata con macchine, insegne e comparse in Piazza con tutte le Contrade, a cui segue un gran ballo e fuochi d’artificio dalla Torre e dalle finestre di Palazzo Pubblico. Al termine dei necessari festeggiamenti Cosimo riparte (finalmente, forse pensarono i senesi) per Firenze.


L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: