26 ottobre 2015

26 ottobre 1610: muore il pittore Francesco Vanni

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 26 ottobre 1610 muore il celebre pittore Francesco Vanni e viene sepolto nella chiesa di San Giorgio. I figli, Raffaello e Michelangelo, che hanno seguito le orme paterne, gli dedicano un monumento funebre che si trova nella controfacciata della chiesa di Pantaneto, alla quale la famiglia era legata: sul primo altare a sinistra si trova il dipinto “Gesù al Calvario”, opera di Francesco Vanni, mentre il “Cristo che cade sotto la croce” è realizzato dal figlio Raffaello. 

Autoritratto, Pinacoteca Nazionale, Siena

Francesco Vanni nasce nel 1564. Le seconde nozze della madre con Arcangelo Salimbeni ne condizionano la vita: il patrigno gli fa da maestro e il fratellastro, Ventura Salimbeni (figlio di Arcangelo e della madre del Vanni), è anch’egli pittore. 
Si trasferisce a Bologna dove studia con Federico Barocci, ma poi si sposta a Firenze e Roma subendo l’influenza di Raffaello e del Carracci. Negli anni Novanta del Cinquecento ritorna a Siena, dove realizza numerose opere d’arte sacra. 

Sant'Ansano battezza i senesi (1593-1596)
Duomo di Siena, altare di Sant'Ansano

Appartiene alla congregazione del Sacro Chiodo, Confraternita che avrà un grande rilievo nella diffusione della riforma cattolica del Concilio di Trento a Siena nella seconda metà del Cinquecento. Nelle sue realizzazioni sono infatti perfettamente rispettati i canoni della Controriforma. 
Tra i molti lavori, a Siena, realizza l’altare di Sant’Ansano in Duomo e l’altare maggiore nella chiesa di San Niccolò in Sasso, mentre, nel territorio, ricordiamo la “Madonna della Concezione” nella Collegiata di Montalcino, “L’Annunciazione” nella Compagnia della SS. Annunziata a Torrita. Le sue opere, tuttavia, si trovano anche a Pisa, Pistoia, Lucca. Roma, Genova e all’estero: Lione, Monaco. Salisburgo, Madrid ...

Pianta assonometrica di Siena, 1595

Dal 1600 al 1604 è a Roma dove lavora anche per papa Clemente VIII che gli concede l'onorificenza di Cavaliere di Cristo. A Siena, tuttavia, è ancora oggi ricordato per un’opera di soggetto non religioso: nel 1595 realizza, infatti, una pianta di Siena che è stata definita “una fotografia ante litteram”. Con un’abilità ancora inusuale per i tempi, la città di Siena viene ripresa “a volo d’uccello”. Si pensi a quanto rudimentali fossero ancora gli strumenti per le rilevazioni del terreno nonostante il progresso rinascimentale ed è eccezionale la realizzazione di questo rilievo assonometrico quasi perfetto che rispetta il bilanciamento tra necessità prospettiche, il rapporto tra volumi e distanze e la tessitura grafica.


L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: