2 settembre 2015

2 settembre 1786: terminati i lavori di rifacimento delle mura di Ovile

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 2 settembre del 1786 vengono portati a termine i lavori di rifacimento delle mura di Ovile, crollate due anni prima a causa di piogge fortissime che recarono danni ingenti sia in campagna che in città. 


Tra il 19 e il 20 settembre 1784, infatti, scrive il Pecci, cadde “un’acqua sì tempestosa accompagnata da tuoni orrendi che non sì dà esempio a memoria d’uomini”. Le grandi piogge portarono frane, smottamenti, crolli di argini; si rilevarono danni notevoli sia a Monastero sia al convento del Carmine, ma la conseguenza più grave fu, appunto, “la rovina di centosette braccia di mura castellane (circa 60 metri, ndr) a porta Ovile, cosa orrenda a vedersi”.


Crediti fotografici
Paolo Lombardi, Vista esterna di Porta Ovile (ultimi anni del '800), Archivio fotografico Malandrini - Fondazione MPS

L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: