17 settembre 2015

17 settembre 1577: ha inizio la ristrutturazione dell’Abbadia Nuova

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 17 settembre 1577 si pose la prima pietra per la ristrutturazione del convento dei Santi Giacomo e Filippo, meglio noto come l'Abbadia Nuova, nel quale il 28 ottobre 1596 si trasferiranno, con solenne processione, le monache di Santa Chiara. 


Il complesso monastico, fondato dai Vallombrosani a fine XII secolo, già nel 1490 era fatiscente. Dopo l’assedio del 1555, le suore francescane di Santa Chiara furono costrette a lasciare la loro sede fuori porta Romana, occupata dalle truppe ispanico-fiorentine, e il 29 marzo 1556 la Balia intimò a Giulio Petrucci, abate commendatario di San Giacomo e Filippo, di lasciare libero il monastero in brevissimo tempo, in modo che le monache potessero andare ad abitarvi. 


Le trattative e i lavori, in realtà, durarono quasi quindici anni (durante i quali le religiose vissero in Sant'Andrea ai Montanini) e dopo il loro insediamento il complesso, che da allora prese il nome di convento di Santa Chiara (il ricordo dell’antica dedicazione ai Santissimi Giacomo e Filippo fu affidato ad un altare della nuova chiesa), rimase alle monache fino al 22 luglio 1818 quando passò ai monaci olivetani e venne ribattezzato “ospizio di San Benedetto in Santa Chiara”


Gli olivetani lasciarono "l'ospizio" il 7 luglio 1866, quando il monastero venne definitivamente soppresso. Dopo il fallito progetto di trasformazione in carcere, nel 1872 l’Abbadia Nuova era già stata adattata per ospitare una caserma militare. 
Oggi degli edifici originari, a parte il chiostro, rimane ben poco: la chiesa fu minata dai tedeschi in fuga il 2 luglio 1944 e quasi completamente demolita; gli unici resti consistono in due muraglie composte da un basamento in pietra su cui poggia una cortina in laterizio, come ricorda una lapide lì apposta.


Crediti fotografici
1. Particolare della veduta assonometrica di Siena di Francesco Vanni (1595) rappresentante il complesso di Santa Chiara
2. Santa Chiara in una cartolina degli anni Venti del XX secolo
3. La Margiacca (il cavallo con cui il Nicchio aveva vinto il Palio del 16 agosto 1928 con Canapino) con puledrino in posa davanti alla fonte dei Pispini. Dietro la facciata dell'Abbadia Nuova con il portone della caserma

L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: