5 agosto 2015

5 agosto 1685: l’Arcivescovo benedice l’Oratorio del Nicchio

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 5 agosto del 1685, domenica, l’arcivescovo di Siena, Leonardo Marsili, inaugura e benedice l’oratorio della Contrada del Nicchio. Era il 1680 quando il Nicchio deliberò di erigere il proprio oratorio nel forcone situato tra via dei Pispini e via dell’Oliviera, nel luogo in cui era collocata l’immagine della cosiddetta “Madonna del Forcone”, già venerata dal popolo dei Pispini. 


Il primo passo fu l’acquisto di due immobili e la richiesta, inoltrata al Comune di Siena, di poter avere in concessione alcuni metri della pubblica via per poter adeguatamente prolungare l’edificio sacro. Nell’assemblea del 1 agosto 1683 vengono eletti quattro nicchiaioli con l’incarico di sovrintendere i lavori, che iniziano pochi giorni dopo, l’8 agosto, e terminano nella primavera del 1685. 


Nella stessa adunanza fu deciso di dedicare il nuovo oratorio alla “devozione de Gloriosi Martiri S. Jacomo e S. Filippo Avvocati e Protettori di d.tta Contrada”, ma, su decisione dell’arcivescovo, il proposito dovette essere abbandonato perché a loro era già intitolata la vicina chiesa dell’Abbadia Nuova. Così la scelta cade su San Gaetano Thiene, un santo di recente canonizzazione (beatificato da papa Urbano VIII l'8 ottobre 1629 e canonizzato da Clemente X il 12 aprile 1671) che l’arcidiocesi gradiva in quanto stava cercando di diffonderne il culto in città. 
Non a caso, nel 1680, a questo Santo sarà intitolato anche un altare all’interno del Duomo.


Documentazione
sito ecomuseosiena.org, voce "Oratorio di San Gaetano"

Crediti fotografici
1. foto di kpmst7 su Flickr
2. dal volume Oratori di Contrada, a cura di G. Campanini e A. Muzzi, Edizioni Tipografia senese, 1995

L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: