16 agosto 2015

16 agosto: il Palio del giorno dopo?

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Per il fatto che si corresse il 16 agosto qualcuno lo ha perfino definito "il Palio del giorno dopo" e, in effetti, suona strano che la carriera dedicata all’Assunta, festività che cade il 15 agosto, in realtà si disputi il 16, appunto il giorno dopo. 


Eccentricità tutta senese anche nella scelta della data in cui correre il Palio? Nulla di tutto ciò, semmai necessità di coniugare due appuntamenti diversi. Il fatto è che l’usanza di correre un Palio alla tonda anche d’agosto ha, probabilmente, inizio nel 1689, quando l’Istrice, vittorioso a luglio, decide di far disputare una carriera a proprie spese a suggello delle feste per l’Assunta, e siccome il giorno 15 era già occupato dall’antichissimo Palio alla lunga per le strade della città, questa corsa in Piazza si tenne, appunto, il giorno dopo, il 16 agosto e la vittoria arrise alla Giraffa. Nel 1701 l’idea fu ripresa dall’Oca, e fino al 1802 il Palio del 16 agosto è stato quasi sempre corso a spese della Contrada vittoriosa a luglio.


L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: