11 agosto 2015

11 agosto 1867: Garibaldi a Siena

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


L’11 agosto 1867, Giuseppe Garibaldi arriva a Siena in treno alle 10 del mattino ed entra in città circondato da oltre 400 volontari e seguito da una moltitudine di popolo (le cronache cittadine parlano di 25.000 persone). Indossa la divisa dei Mille ed è accompagnato dalla figlia Teresita e dal genero Stefano Canzio. 

Una delle più famose foto di Garibaldi, scattata nello
studio Lombardi (alla Costarella) nel corso della sua visita a Siena

Scendono all'Albergo Aquila Nera (che si trovava nell'attuale Galleria Odeon) perché gli è stata negata l’ospitalità nel Palazzo della Provincia dato che il Governo della città non vuole compromettersi con Napoleone III, schieratosi con il papa, dopo che il generale ha dichiarato di voler conquistare Roma. 
La folla lo acclama senza interruzione, tanto che Garibaldi deve affacciarsi varie volte al balcone; si dice che ad un certo punto si sente il grido "morte ai preti", ma Garibaldi prontamente ribadisce "morte a nessuno", e continua: "O Roma viene all’Italia, o l’Italia va a Roma"

La lapide in Banchi di Sotto
a ricordo dell'evento

Il 12 Agosto si tiene un banchetto in suo onore offerto dall'Accademia dei Rozzi ed a cui partecipa anche Giovanni Caselli, inventore del pantelegrafo, al quale Garibaldi rivolge parole di ammirazione. Durante il banchetto, dopo le affermazioni fatte, in risposta a chi chiede notizie sui tempi dell'azione per liberare Roma il generale risponde che sarà pronto a partire "alla rinfrescata", cioè verso l'autunno, e questa diviene, da quel giorno, la parola d'ordine segreta dei Garibaldini (anche se, come ci dicono I fatti, Garibaldi non riuscì a compiere l'impresa dato che venne fermato a Sinalunga nel settembre di quello stesso anno e rimandato a Caprera). 
Il 15 agosto dal Casin de' Nobili assiste al Palio, che viene anticipato di un giorno in suo onore (si tiene quello alla tonda in sostituzione del palio alla lunga). Durante la sfilata del corteo storico giunta sotto la terrazza dove è affacciato Garibaldi, la banda si ferma e suona il suo inno. 

La foto autografata
esposta nel museo della Lupa

Vince la Lupa con il fantino Mario Bernini detto Bachicche. A fine corsa, Bachicche, insieme ad altri rappresentanti della Contrada, si reca a rendere omaggio a Garibaldi e riceve in dono una fotografia, sulla quale il Generale appone una dedica significativa: “A Mario Bernini, campione della Lupa vittoriosa, augurio della vittoria di Roma”
Nel 1896, Bachicche, costretto in condizioni di estrema povertà, in cambio di 219 lire vende alla Contrada della Lupa la foto autografata, che tuttora è visibile nella Sala delle Vittorie, assieme al drappellone, in una preziosa bacheca lignea sulla quale corre la didascalia: “Perché il patriottico augurio / onde l’eroe popolare / il decimo sesto d’agosto del MDCCCLXVII / rispondendo all’entusiasmo della contrada / elevò il pensiero al vicino trionfo di Roma / non andasse oblato / per lontananza di tempo”.


Documentazione
Sito EcoMuseo Siena, voce "Il Palio di Garibaldi"

L'elenco completo delle "Pillole quotidiane di storia senese" si trova alla pagina http://goo.gl/2PJxzF.
Tutti i giorni sono trasmesse anche dai microfoni di Antennaradioesse Siena, alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa "pillola" sul nostro blog.

Nessun commento: