27 marzo 2015

27 marzo 1555: Siena tratta la resa

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 27 marzo 1555 la Signoria di Siena, d'accordo con il comandante francese Biagio di Monluc, prende la drammatica decisione di inviare a Cosimo dei Medici un ambasciatore (Alessandro Gugliemi) per avviare la trattativa di capitolazione della città ormai stremata dall'assedio. Cosimo dovrà fare da intermediario con l'imperatore Carlo V perché Siena possa arrendersi nel modo meno disastroso possibile. Si decide di fare una stima esatta dei viveri ancora disponibili e del calcolo dei giorni che ancora si può resistere, chiedendo all'ambasciatore di concludere la trattativa prima che le scorte siano del tutto esaurite.

Pietro Aldi, “Le ultime ore della libertà senese” (1882)
Siena, Santa Maria della Scala, Sala San Pio

Il giorno dopo - 28 marzo - vengono cacciate le ultime "bocche inutili" ancora presenti dentro le mura: i forestieri che non siano soldati, i mendicanti, le meretrici, i contadini che si erano rifugiati in città scappando dai loro campi devastati, tutti i servitori domestici. Solo le famiglie dei "risieduti" (cioè quelle i cui membri hanno diritto ad essere eletti nelle cariche di governo) potranno tenere un solo servitore. L'unica altra esenzione riguarda il personale dell'ospedale di Santa Maria della Scala che potrà restare in città.
La cacciata va ad effetto il 29 e le conseguenze sono scontate. I primi contadini cacciati fuori dalle porte vengono catturati dagli imperiali e gli viene mozzato il naso e gli orecchi, e così mutilati sono rispediti in città sotto minaccia di essere impiccati se fossero di nuovo usciti dalle mura. La libertà di Siena ha i giorni contati.


Tutti i giorni le pillole quotidiane di storia senese sono anche su Antennaradioesse Siena alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa nota.

Nessun commento: