21 marzo 2015

21 marzo 1861: nasce Achille Sclavo

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 21 marzo 1861 nasce ad Alessandria, dove il padre era capostazione, Achille Sclavo. Intrapresi gli studi di medicina a Torino, si laurea nel 1886 e fu chiamato a Roma presso la Direzione Generale di Sanità. 
È professore di Igiene prima all'Università di Sassari poi a quella di Siena, dove diviene Rettore dal 1914 al 1919 e, successivamente, dal 1924 al 1928.


Le sue ricerche scientifiche spaziano in vari campi, ma culminano negli studi sul siero curativo e protettivo dell’infezione da carbonchio ematico, che conduce dal 1895 al 1903. 
Il siero anticarbonchioso di Sclavo ha un immediato successo in campo nazionale e internazionale, tanto che, ormai insufficienti i mezzi e i locali che l’Università poteva concedergli, nel 1904 trasforma la sua villetta fuori porta Camollia in un laboratorio che produca il siero su vasta scala.


Nasce così l’Istituto Sieroterapico e Vaccinogeno Toscano. Fondamentale anche la sua opera sociale e di propaganda dell’igiene pubblica, che lo vede promotore delle scuole all'aperto, dell'uso dell’acqua potabile e della realizzazione di una moderna rete fognaria. Per anni è anche presidente della Società Ginnica “Mens Sana in Corpore Sano”
Muore a Genova il 2 giugno 1930.

Paolo Neri, nipote di Achille Sclavo, nel video che segue racconta la vita del nonno sulle immagini originali dell'archivio Sclavo.


La storia di Achille Sclavo


Tutti i giorni le pillole quotidiane di storia senese sono anche su Antennaradioesse Siena alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa nota.

Nessun commento: