17 marzo 2015

17 marzo 1691: nasce l'Accademia delle Scienze di Siena

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 17 marzo 1691 Pirro Maria Gabbrielli, docente di Medicina e di Botanica nell'Ateneo senese, insieme con alcuni allievi, fonda l'Accademia delle Scienze di Siena. La sede originaria fu l'Ospedale Santa Maria della Scala. 
Riunitisi per la prima volta il 5 luglio, il 21 febbraio 1692 gli Accademici furono detti Fisiocritici, dalla fusione di physis (natura) e criticos (giudici), a sottolineare che il loro intento era "scrutinare ed indagare con giudizio i segreti della natura e quasi come giudici ributtare dalle scienze naturali ciò che è falso per meglio apprendere quello che è vero" (cap. IV delle Costituzioni).



Per questo motivo la pietra di paragone con cui si distingue l'oro e l'argento vero dal falso ne divenne l’impresa, e per motto si scelse le parole di Lucrezio "Veris quod possit vincere Falsa". Nel 1694 l'istituzione fu spostata presso la "Sapienza" dove, alcuni decenni più tardi, Gabbrielli realizzò il cosiddetto eliometro fisiocritico (noto anche come meridiana senese).



Dopo il terremoto del 1798 si rese necessaria per l'Accademia una nuova sede, individuata definitivamente nel 1816 nel convento di Santa Mustiola, sconsacrato nel 1810, nell'attuale via Pier Andrea Mattioli. A metà '800 Giuseppe Pianigiani ricostruisce nella nuova sede l'eliometro che può essere ammirato ancora oggi.


Tutti i giorni le pillole quotidiane di storia senese sono anche su Antennaradioesse Siena alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa nota.

Nessun commento: