1 marzo 2015

1 marzo 1817: nasce Giovanni Duprè

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 1 marzo 1817 nasce, nella Contrada Capitana dell'Onda, a cui sarà sempre legato, Giovanni Duprè. Si forma come intagliatore e a Firenze frequenta l'Accademia di Belle Arti. 

Antonio Ciseri, Ritratto di Giovanni Duprè
Firenze, Palazzo Pitti

L'opera che gli diede fama, a venticinque anni, fu un "Abele morente", realizzato per l'Esposizione del 1842 (lui e il modello, Antonio Petrai detto il Brina, durante i lavori rischiarono addirittura di morire per un incendio causato da una stufa). 

Giovanni Duprè, Abele morente
San Pietroburgo, Museo statale Ermitage

Uomo discreto, schivo, “modernista saldo come insegnante e maestro”, amico di Rossini, Giusti, Aleardi, Prati, Capponi, Tommaseo, Duprè è un artista scomodo, amato ma anche aspramente criticato. Nel 1844 rientra a Siena dove trova serenità e l'affetto dei senesi e dove crea "La Pietà" (commissionata da Alessandro Bichi Ruspoli per la cappella di famiglia), che riceverà la medaglia d'oro, nel 1867, all’Esposizione Universale di Parigi. 

Giovanni Duprè, La Pietà,
Siena, Cimitero della Misericordia

Nel 1869 Siena gli dedica addirittura la nuova locomotiva in servizio sulla Centrale Toscana fra Siena ed Empoli, e gli intitola la strada che ancora oggi porta il suo nome. Morto a Firenze il 10 gennaio 1882, nella sede museale della Contrada dell'Onda, nella gispoteca a lui intitolata, si possono ammirare molti importanti modelli in gesso delle sue opere.


Tutti i giorni le pillole quotidiane di storia senese sono anche su Antennaradioesse Siena alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa nota.

Nessun commento: