22 gennaio 2015

22 gennaio 1729: una biografia di Girolamo Macchi

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti


Il 22 gennaio 1729, Girolamo Macchi, Scrittore Maggiore del Santa Maria della Scala, redige un documento nel quale ripercorre le tappe principali della sua vita: abbandonato come gittatello all'ospedale (nasce nel 1648) da fanciullo lavorò nell’archivio, poi nel granaio, quindi come aiutante dello scrittore maggiore, poi ancora come "scrittore di grancie e ministro de’ granai", finché nel 1684, ricoprì lui stesso l'importante ruolo di Archivista e Scrittore Maggiore (oggi sarebbe un moderno revisore dei conti), carica ricoperta fino alla morte. 

La ricostruzione facciale della mummia che
probabilmente è di Girolamo Macchi (1999) 

In sei volumi di Memorie, e nel più agile compendio Origini dello Spedale, Macchi traccia la storia, talvolta fantasiosa, dell’ente ospedaliero, ma in realtà si occupa di tutta la città, raccontando aneddoti ed episodi, oltre a disegnare numerosi schizzi di particolari urbani. 
Morto nel 1734, per testamento chiede di essere sepolto nella Chiesa della SS. Annunziata ed è lui, probabilmente, una delle tre mummie ritrovate nel 1999 e che ancora aspettano di essere visibili al pubblico insieme ai loro abiti, alle monete e alle medaglie, mandati a restaurare a Pisa. Non sappiamo se sono ritornate e dove siano.


Tutti i giorni le pillole quotidiane di storia senese sono anche su Antennaradioesse Siena alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa nota.

Nessun commento: