15 gennaio 2015

15 gennaio 1729: vietato intorbidare l’acqua dei bottini

Pillole quotidiane di storia senese
di Maura Martellucci e Roberto Cresti

Il 15 Gennaio 1729 si riprende un bando già emanato il 15 settembre 1691 in base al quale si vietava a chi possedeva buche o pozzi comunicanti con i bottini di intorbidare l'acqua. 


Doveva inoltre essere installato nel punto di congiunzione tra i bottini e il condotto privato un misuratore che regolasse il passaggio dell'acqua cosicché ognuno la ricevesse "a misura giusta e non ad arbitrio proprio o dei bottinieri". Questo misuratore era il "dado", cioè una lamina in bronzo con un foro che faceva passare circa 400 litri di acqua al giorno (l'equivalente di 8 barili) per la quale ogni utente pagava alla Biccherna una tassa annua di 1 lira e 10 soldi.


Crediti fotografici:
Foto tratta dal sito flickr.com

Tutti i giorni le pillole quotidiane di storia senese sono anche su Antennaradioesse Siena alle ore 8.45, all'interno dell'almanacco. Ringrazio Maura Martellucci per aver cortesemente autorizzato la pubblicazione di questa nota.

Nessun commento: